Stampa

Romulo Togni: "L'Avellino ha un'organizzazione migliore del Pescara!"

Scritto da amministratore2.

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

Il centrocampista brasiliano é lunsingato degli apprezzamenti degli addetti ai lavori ma le sue parole predicano umiltá e responsabilità: "Sono contento di essere apprezzato e mi lusingano i complimenti - racconta Romulo Togni - Però sono venuto qui con umiltà e sono pronto a dare una mano come tutti gli altri".

il giocatore sa che ad Avellino gli attendono enormi responsabilità "So che la dirigenza si aspetta molto da me e sono carico di responsabilità ma io sono tranquillo perché ho lavorato tanto e so cosa devo fare"
Il giocatore racconta se stesso sui suoi pregi e i suoi difetti"Dovrò migliorare la fase del non possesso di palla:é più una questione di distanza tra reparti,e si fa in maniera corale in undici persone,sia la difesa che deve accorciare insieme ai centrocampisti,perché in undici si fa me o fatica,ma sono meccanismi che devono essere collaudati con concentrazione ed amalgama "dice il centrocampista"io mi alleno anche per i calci piazzati ,il gol su punizione che ho realizzato nella partita contro il Catania é stata la più brutta ma la palla é entrata "
Romulo Togni evidenza come sia necessario essere pronti atleticamente e mentalmente all'inizio della stagione"Ad inizio stagione é sempre un po' particolare ,io sono stato in squadre che sulla carta erano buone,ma tra le amichevoli e coppa Italia ero molto affaticato dai carichi di lavoro ,però arrivavo ad inizio campionato con una forma smagliante.Per il gruppo l'importante é arrivare all'inizio del campionato già consapevoli di sapere cosa fare,poi il testo viene naturalmente "
Il centrocampista racconta il suo recente passato"io ho rispettato due anni di contratto,l'anno scorso sono stato messo due mesi fuori rosa,poi dopo sono stato richiamato ed ho dato del mio meglio io mi sono tolto delle soddisfazione,ma loro hanno fatto la loro scelta non confermandomi per questa stagione,scelta che io rispetto anche se mi é dispiaciuto andare via perché quando ci si ferma molto tempo in un posto ci si affeziona ,ma ormai il Pescara é il mio passato ed io penso all'Avellino che a mio avviso come dirigenza é molto più organizzato del Pescara e credo che come gruppo si possono centrare traguardi ambiziosi"